Quale merito ho, io?

handala1

Da un mio pensiero, è nato un lavoro, una sorta di quasi dialogo e una collaborazione con

http://jeiemerwinashleigh.wordpress.com/   (bravissima come sempre!)

lei ha scritto in versi quello che io covo dentro di me, in questo periodo di vacanze..

E’ dagli inizi di luglio che ritornano notizie forti, crude, violente, senza senso di una situazione che non si riesce proprio a sbrogliare, a risolvere da sempre, sulla questione Gaza, Israele, Palestina, Egitto. Non capisco e più leggo, più non capisco, datemi dell’analfabeta, dell’ignorante, ma io non capisco…

Poi vai su facebook, twitter, tutti bravi con le loro frasi ad effetto e non capisco ancora di più perché chi le condivide queste immagini non sa neanche di cosa sta parlando.

 

 

E’  tempo
tempo di capire

è tempo di sciogliere
i fili che ruvidi s’
attorcigliano

Piattaforme digitali
che ammassano immagini e
notizie

ma non sanno quello che
dicono

 

Guardando la cartina geografica, vedo un grande territorio, Israele che si affaccia anche sul mare, in mezzo ad esso la Cisgiordania. E in fondo a sinistra prima dell’Egitto, una cosa piccola, sì proprio una striscia, quasi inesistente al mio occhio confronto alla cartina, che è questo territorio tanto martoriato, tanto conteso, tanto voluto, tanto odiato, tanto desiderato, la striscia di Gaza. E’ un territorio ad alta densità di popolazione pazzesca, età media molto giovane, un territorio che strabocca di uomini donne e bambini. Questo territorio fu governato prima dall’Egitto, poi dopo una guerra da Israele e infine con tempi e modi lenti e discutibili viene presa dall’autorità nazionale palestinese. Il contendere è forse, ma non so spiegarmelo bene, che Israele tiene comunque potere su questi territori palestinesi e creano reazioni e formazioni di correnti ultraviolente, che sfociano in attentati terroristici in nome di una libertà che sembra sempre violata.

 

 

E poi su una cartina

guardi

Gaza
lacerata e violata

E ti chiedi

perché
tanta ingiustizia

Guerre che non portano a
una fine

nel loro sangue mescolando
bene e male

 

 

 

Ora ripeto io non capisco, non tanto perché Israele continui a bombardare o continui a bloccare il commercio e gli aiuti verso Gaza, o perché Hamas continui ad uccidere civili israeliani, io non capisco perché l’uomo possa arrivare a tanta violenza, ad usare la forza per stroncare vite innocenti, cosa ho io, in più rispetto a chi è nato a Gaza(prendo l’esempio di questa situazione, ma ce ne sono altre mille) per meritarmi una vita decente, un lavoro, una casa, quale merito ho?

 

 

 

E pensi a te
alla tua vita e al lavoro

e ti domandi se
davvero lo meriti

Ma tanto sono solo
pensieri

e tra un po’ ti vedrai
lì seduto

a bere birra e a parlare di
calcio

E se sia giusto
ancor ti domandi

 

 

 

C’è bisogno davvero di continue guerre per arrivare ad una conclusione che non sembra mai avere fine? Poi per cosa? Qual è il bene e qual è il male? Chi ha torto? La vita dovrebbe essere vissuta quanto meno con dignità, c’è bisogno di questo sangue? Son tutte domande che mi faccio ma sono lo stesso che tra 5 minuti, mi berrò una birra e parlerò che la juve con allegri non va da nessuna parte, cosa è giusto??

 

 

 

E poi ci sono io
così presa dai miei stupidi
problemi

spesso dimentico
cosa accada laggiù

mentre qualcuno la sua morte
baratterebbe
con i miei futili pensieri

Annunci

4 pensieri su “Quale merito ho, io?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...