Il trono di Spade (secondo libro) di George R.R. Martin

wpid-20150124_121648.jpg

Eccoci qua, cazzo, finalmente, direi, dopo quasi tre settimane, ho finito il secondo librone di 921 pagine di questo assurdo, intricato, complicato, misterioso, curioso e imprevedibile trono di spade. Da queste prime parole forse si può intuire che non è stato facile finirlo, ma la trama, il territorio e i due milioni di personaggi confermano quello che di buono ho trovato nel primo libro!

Stavolta siamo immersi nel caos più totale perché quando il re muore, poi il re che tiene sette regni, Robert Baratheon, tutti per un motivo od un altro lo vogliono diventare per soldi, fama, potere e successo. Ed ecco che vengono a incrociarsi 4 situazioni, la prima è ad Approdo del re dove è collocato il trono di spade e la famiglia Lannister proclama re il figlio del re morto, joffrey, un quindecenne senza pietà, nato da un incesto. Questo viene guidato dalla regina e madre di Joffrey, Cersei, la seconda situazione è a Grande inverno, situato al nord, dove il figlio del primo cavaliere del re morto, si proclama Re del nord e spettante di diritto al trono di spade Robb Stark, terza situazione i fratelli del re Stannis e Renley tutte e due vogliosi di possedere lo scettro del trono, una quarta situazione ma non ultima è Daenerys, la regina dei draghi che vuole vendicare la morte del padre ucciso proprio dal re appena morto. Al nord più a nord che si può invece si concretizza una minaccia misteriosa di bruti e di forze oscure che alla notiza della morte del re, vogliono impadronirsi dei sette regni, insomma un casino totale.

Il libro come il primo è diviso in capitoli con il titolo del nome del personaggio protagonista in quel capitolo, questo però mi ha fatto un po’ perdere l’orientamento, cioè un personaggio che leggi per un po’ di pagine poi non lo incontri più per tante pagine dopo e poi quando ritorni su quel personaggio, almeno io, non mi ricordavo più cosa era successo prima e quindi dovevo tornare a rileggere per ritrovarmi, questo ha influito un po’ negativamente sulla lettura, strano perché nel primo libro non ho avuto sta difficoltà(sarà la vecchiaa incombente??!). Poi magari in alcune situazioni ha allungato le cose e quindi mi sono perso via!

Però alla fine le battaglie, i dialoghi, i colpi di scena e le mille avventure mi hanno spinto e incuriosito a leggere fino all’ultima pagina e soprattutto ora mi trovo a dover assolutamente comprare l’altro tomo che segue(più di 1100 pagine, aggiungerei cazzo!) perché devo assolutamente scoprire se riesce a fuggire Arya dal castello di Harrenhal, dove andrà Bran Stark con il suo castello in fiamme, se Tyrion si rimetterà in sesto dopo aver subito ferite importanti in guerra e cosa escogiterà contro la sorella, se lo sterminatore di Re viene ucciso da Catelyn e mille altre cose ancora!!! Aiutooooooooo

Annunci

4 pensieri su “Il trono di Spade (secondo libro) di George R.R. Martin

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...