La meccanica del cuore – Mathias Malzieu

 

Siamo nel giorno più freddo di sempre in Edimburgo dove nasce il protagonista della storia, Jack che ha un cuore gelato e l’unico rimedio è di collegarlo al battito di un orologio a cucù. Una favola di fantasia, d’amore, di amicizia, di diversità, di gelosia, di formazione che fa sorridere, commuovere e riflettere.

Attraverso la favola si mette in mostra le conseguenze di una passione amorosa che può essere travolgente ma anche crudele, si mette in mostra la complessità della diversità che può essere vista come una paura ma anche come qualcosa di speciale. La favola crea proprio un modo per confrontarsi con la realtà,  fantasia e realtà si mescolano e creano una storia che la si legge tutta d’un fiato.

Quante volte a scuola siamo stati presi in giro per un nostro difetto fisico e non solo fisico e le reazioni possono essere le più diverse, sicuramente ti segnano non solo negativamente perchè cresce dentro di noi una sensibilità per quello che si vive intorno in modo più intenso e si vedono le cose in un’altra ottica più profonda.

“Uno, non toccare le lancette. Due, domina la rabbia. Tre, non innamorarti, mai e poi mai. Altrimenti, nell’orologio del tuo cuore, la grande lancetta delle ore ti trafiggerà per sempre la pelle, le tue ossa si frantumeranno e la meccanica del cuore andrà di nuovo in pezzi.”

“Questa notte balzerò sulla luna, mi sistemerò nella falce come se fosse un’amaca e non avrò alcun bisogno di dormire per sognare.”

 

Annunci

12 pensieri su “La meccanica del cuore – Mathias Malzieu

  1. Pingback: Il bacio più breve della storia – Mathias Malzieu | zillyfree

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...