Per non far morire ancora Stefano Cucchi! Il corpo del reato – Carlo Bonini

Lo hanno chiamato drogato di merda nelle ultime intercettazioni registrate tra carabinieri coinvolti in questa storia, una sorta di giustificazione o quanto meno una democratizzazione del pestaggio che un drogato di merda può subire, essendo un inetto, l’ultimo degli ultimi, una persona che ha sbagliato può e deve subire violenze. Ho sentito paura in queste parole, perchè stiamo andando, noi, esseri umani pensanti degli anni dell’era più tecnologica che ci sia verso la chiusura totale per chi ci sta attorno e non è solo una questione di etnia, di religione, di politica sembra proprio una questione sociale.

La storia di Stefano Cucchi è una storia incredibile (purtroppo e non unica) perchè leggendo veniamo a conoscenza di come  la giustizia, la sanità, la polizia, i carabinieri, insomma i servitori dello Stato, coloro che dovrebbero dare sostegno, aiuto e difesa ai cittadini invece sono semplicemente i nemici della legalità e della civiltà.

Stefano Cucchi era un ragazzo tossicodipendente che è stato trovato dai carabinieri a spacciare dell’erba. Era stato fermato, arrestato e il giorno dopo l’arresto inizia l’inferno per questo ragazzo che morirà una settimana dopo l’arresto. Il corpo senza vita di Stefano Cucchi fin dalla prima volta che viene visto dalla famiglia è una prova di quello che è successo: è un corpo torturato. Ma per la famiglia Cucchi inizierà un calvario che va avanti da 7 anni, era il 2009…infatti i processi che si succederanno non troveranno colpevoli o la causa del decesso, nonostante un corpo che gridava da solo verità!

Una storia spiegata passo dopo passo soprattutto dal punto di vista medico legale entrando anche nel tecnico ma rendendo la lettura assolutamente coinvolgente(nonostante un dramma raccontato). Si capisce da subito che il corpo di Stefano Cucchi sia la chiave per comprendere cosa abbia subito il ragazzo dall’arresto alla sua morte, ma depistaggi, bugie, negligenza, indifferenza hanno portato solo ai giorni d’oggi ad una perizia in cui si ipotizza che la morte può essere stata causata o da epilessia(poco plausibile) o da una vertebra rotta che ha causato poi una serie di complicazioni a livello cardiaco e neurologico. Poco alla volta la verità inizia a venire fuori, poco alla volta sono passati 7 anni, il libro fa capire la difficoltà che si sono incontrate in questi anni e con clamorose intercettazioni telefoniche, con nuove testimonianze si sta arrivando (speriamo) ad una verità giudiziaria.

Una storia brutta ma che può servire alle generazioni future, lo Stato funziona se la giustizia fa il suo dovere sennò siamo noi cittadini, soggetti di abuso di potere dello Stato.

Annunci

Un pensiero su “Per non far morire ancora Stefano Cucchi! Il corpo del reato – Carlo Bonini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...