Senza coda – Marco Missiroli

 

 

Un bambino, un gran cacciatore di lucertole e i suoi amici Luigi e il buon vecchio giardiniere Nino che asseconda le fantasie di un bambino che deve affrontare il buio della sua famiglia, un padre violento, autoritario e la mamma vittima del carattere del marito.

Si chiama Pietro, questo bambino, ed ha l’età di chi dovrebbe giocare si con le lucertole correre, giocare con il pallone ma lui prega il Gesù bambino che possa il padre essere più buono e che la madre non abbia più nessun livido e poi prega perchè non vuole andare dall’amico misterioso del padre, Carmine.

Entriamo nell’infanzia di un bambino in modo brutale, netto, c’è l’ombra della mafia, cosa oscura per i bambini, ma pietro che è ancora nell’età di non sapere bene la differenza tra bene e male arriverà a capire il senso della cattiveria, della perdita e del lutto.

Inizio forse lento, forse più che lento delicato e fantasioso per avventurarci nell’infanzia difficile di un bambino poi però prende la narrazione che corre su vari binari, insomma un libro che ti tiene incollato alle pagine fino alle ultime speranze di Pietro!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...