Divorziare con stile – Diego De Silva

 

Quest’estate sembra proprio dura leggere, una personale crisi probabilmente passeggera di lettura, per cercare di combattere questa poca dedizione alla “carta”, ho scelto un libro uscito da poco, un autore e soprattutto un personaggio che mi ha conquistato dalle prime battute del primo libro che lessi l’anno scorso. Eh si sto parlando del buon vecchio avvocato Vincenzo Malinconico.

Divorziare con stile è il quarto episodio di questo protagonista e mi sembra sempre meglio, fin dalle prime pagine ridi ed entri nella vita di Malinconico con il sorriso e ne rimani stupito dalla follia dei personaggi che sono assolutamente reali, chi di noi non ha avuto un amico pazzarello, scansafatiche, con idee bizzarre e assolutamente simpatico? Malinconico si mostra sempre per quello che è, un avvocato maldestro, non abilissimo forse, ma assolutamente coi piedi per terra, molto intelligente nelle sue riflessioni nel lavoro, con i suoi figli, un pò meno nelle relazioni sentimentali che cerca di mantenersi sempre distaccato, molto acuto nelle sue mille battute ironiche che costringe il lettore a ridere e a pensare contemporaneamente!

Un uomo più incline alle sconfitte che alle vittorie ma per questo gli voglio più bene perchè reale, vero, e comunque riesce sempre rialzarsi nonostante le mille cadute, in fondo chi di noi non è soggetto a mille sfighe quotidiane ma continuare a pensare che domani sarà un altro giorno?

Ci voleva questa lettura ironica, divertente e brillante!

Leggo poco?!

 

 

Se avete seguito o meglio letto l’ultimo post prima di questo, le tre teste di cazzo sono state in Sardegna, tra le teste di cazzo ci sono pure io( ma quanta bella pubblicità mi faccio, a volte mi stupisco), e pensavo…davanti ad un mare azzurro, blu scuro, blu chiaro, blu verde che si immischiava con un cielo perfettamente azzurro, si lì si che c’è la perfezione il resto è noia, ma cosa sto scrivendo? alt rewind pensavo davanti a questo mare infinito che sto leggendo poco, ma cazzo ma perchè? ma soprattutto quando sto in vacanza è più forte di me distrarmi da tutto quello che mi circonda che quasi quasi mi ricorda quello che leggo nei libri e cioè la fantasia, l’infinito, le persone, comunque faccio meno il poetico, leggo poco, constato ciò, mi chiedo perchè. e proprio in quel momento uno dei due miei compagni di viaggio mi invita a fare un bagno e allora ditelo, e va bene ora sto a Milano o meglio a Bresso, questa bellissima caldissima cementata cittadina a pochi passi dalla grande metropoli che è poi Milano, non riuscirò a fare un discorso con un senso logico lo sapete? cmq dicevo leggo poco… ma poi non è vero in questi 10 giorni di fancazzismo ho letto questo libriccino del corriere della sera che parla di come si impara a scrivere o meglio come nascono i racconti attraverso i racconti Cechov, e la prima cosa che dovremmo fare anzi che dovrei fare è imparare a leggere, a capire ogni quadro che lo scrittore pone al lettore, saper pesare ogni frase, ogni descrizione, e sapete quale sarebbe un mio grande sogno oltre a diventare la più grande rockstar di tutti i tempi? Assolutamente essere in grado a scrivere un romanzo e viaggiare per l’Italia nostra a presentare il mio cazzutissimo libro, Ok zilly punta la sveglia, 5.00 am che la coop mi aspetta…