Il cardellino – Donna Tartt

 

Non ero sparito, non sono neanche andato via ( o quasi, mi sono fatto 5 giorni al mare) e non stavo neanche in quei periodi di noia, era solamente colpa di questo libro, di queste 892 pagine, di questo dipinto, il cardellino e del suo piccolo protagonista Theo che lo conosciamo piccolo e lo lasciamo abbastanza grande per scegliere il suo futuro nonostante la vita…

Un bellissimo romanzo che passa diversi generi; drammatico, di formazione, thriller ed un finale degno di un saggio, certo è che le 892 pagine non aiutano nell’apprezzarlo nella sua totalità, forse, dico forse, ma questo tomone mette a dura prova il lettore (tempo e dedizione su tutto), ma la scorrevolezza, la concatenazione di eventi che si sviluppano attorno ai personaggi ben delineati, ben studiati e ben curati fan si che le 892 pagine le si affrontano con meno paura e più passano le pagine più hai la convinzione di una storia memorabile che non vuoi mollare mai.

L’inizio è travolgente figlio e mamma e i loro problemi di vita quotidiana, poi un attentato terroristico nel museo in cui mamma e figlio stanno visitando danno il la ad una storia non certo banale e noiosa, la mamma perde la vita e il figlio, Theo tredicenne si trova da solo ad affrontare tutti e tutto, la vita. Sarà il quadro a rilanciare ogni volta la trama, ci sarà un amore forte che non si concretizza per una ragazza( anche a lei la vita non fa sconti), ci sarà la ricomparsa di un padre che lo aveva abbandonato per problemi di soldi e alcol, ci sarà un amico, anzi il migliore amico con un padre non modello, ci sarà la droga, la caduta, la rinascita e in questo viaggio di formazione si ritorna al punto di partenza domandandosi se vale sempre la pena nonostante la vita sia così meschina, lo vediamo crescere, lo vediamo cascarci ogni volta come fosse la prima volta, lo vediamo maturato nonostante il pessimismo che cova dentro di lui.

Non credevo proprio che questo libro potesse piacermi, io dell’autrice Donna Tartt avevo letto il suo secondo romanzo e non mi era piaciuto per niente, ma questo mi ha coinvolto proprio, come una serie tv, che non vedi l’ora di sapere cosa succede nella prossima puntata, come un romanzo thriller perchè poi questo quadro, il cardellino che sopravvive all’attentato terroristico grazie al protagonista che se lo tiene per sè(nel ricordo di sua mamma) farà il giro del mondo, passerà in mani sbagliate e metterà ogni volta in grave pericolo Theo e i suoi amici. La parte finale è meno pregna di accadimenti sconvolgenti ma ti fa riflettere su cosa è per il protagonista e non solo, la vita. Quella cosa che sta tra la realtà e l’illusione che stimola a continuare a crederci sempre, ho avuto proprio la sensazione di leggere 4 libri in uno. Bello assolutamente! Per chi ha pazienza e tempo, iniziate andarlo a leggere. Subito, senza se e senza ma!

Annunci

6 pensieri su “Il cardellino – Donna Tartt

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...